Homepage Scrivi all'autore
German version.
Perchè un libro Chi è l'autore Che cos'è la leucemia Come curare la
	leucemia Lettera ai figli Verso il trapianto Donare il midollo I pensieri Le mie risposte Dove trovare il libro Grazie ai	donatori L'editore Forum di discussione sulla leucemia Associazione Amici Ematologia Questo sito ha ricevuto una menzione speciale al premio Sodalitas-Vivereoggi, giornalismo per il sociale.
Forum di discussione sulla leucemia Le mie risposte ai vostri contributi.



Scegli la pagina << 1 , 2


Da un visitatore del sito ho ricevuto questo drammatico messaggio senza firma che pubblico, cos come arrivato.
Perch tu sei vivo e mio figlio che aveva otto anni morto? Dovresti essere morto pure tu. Perch sei vivo?


Anonimo visitatore,
una colpa il fatto che la leucemia mi abbia risparmiato? A te sembra di s. Daltra parte, di fronte al gioco drammatico della vita e della morte, che sembra assurdo e affidato al caso, viene voglia di ribellarsi e tutto distruggere. Quando poi la ferita colpisce in modo cos violento e incomprensibile, come a te capitato, la prima istintiva reazione quella di augurare lo stesso male a chi ne stato risparmiato. Generiche parole di consolazione, di fronte alla vastit del tuo dramma, sarebbero solo una nuova offesa. Quello che io posso fare offrirti la mia esperienza. Durante il lungo e spesso cupo percorso della malattia lincontro con la presenza di Cristo, che si manifestata nella compagnia di amici animati dalla fede, mi ha aiutato a sollevare lo sguardo per cogliere, al di sopra della nebbia che mi circondava, la luce della vera speranza. Una verit mi ha sorpreso, come la luce dellalba dopo una notte tempestosa. Non viviamo per noi stessi. Non moriamo per noi stessi. Ma la vita e la morte hanno un orizzonte diverso perch c un Padre che ci ha generato, ci ha manifestato il suo volto e ci attende. Di fronte al tocco gelido di un corpo amato e inanimato sembra follia pensare che quella non sia la tragica fine di tutto. Eppure per il tuo bambino, come sar per ciascuno di noi al termine del pellegrinaggio terreno, quella fine apparente stato lappuntamento con linizio della vita pi vera. Il mistero di un passaggio. Lui ora ci attende pi vicino alla gloria del Padre. Cos il seme scende sotto la terra per generare un nuovo germoglio di vita. Mentre ti affido allintercessione di Maria Vergine, che di fronte alla croce di Cristo ha vissuto il tuo dolore, riporto di seguito la lettera di un padre che stato segnato dalla stessa crudele ferita. E il dolore ha generato un germoglio di solidariet.
Emilio.

Nel visitare il sito ho ripercorso l'esperienza della malattia di mia figlia Serena, 5 anni, colpita da Areb nel 1992, trapiantata nel luglio 1993 e deceduta due mesi dopo. Sono stati due mesi vissuti intensamente, che hanno stravolto la vita e la concezione della vita stessa che fino ad allora avevamo. Tutto si pu immaginare, la perdita dei tuoi genitori, la perdita di tua moglie, ma perdere una figlia un atto crudele come sentirsi dilaniare le carni un atto che si pu solo vivere! Viene addirittura messo in discussione il rapporto di coppia che, o si consolida, o ci si separa. Noi ci siamo rafforzati ed abbiamo riversato il nostro bisogno di Serena nell'aiutare altri bambini nelle sue condizioni. Abbiamo fondato a Lodi l'Associazione Amici di Serena e la sezione Admo.
Natale.




Caro Emilio,
Ho visitato con emozione il tuo sito che mi ha confermato il coraggio e la fede con cui tu e i tuoi famigliari avete affrontato questo impegnativo cammino. Hai sconfitto, anche grazie al contributo della scienza e al coraggio del donatore, una malattia della quale ho fin paura a pronunciare il nome. La comunicazione della tua esperienza sar di aiuto a quanti dovranno affrontare momenti difficili. Un abbraccio
Onelia


Cara Onelia,
quella che tu indichi la vera ragione per cui ho scritto il libro e realizzato questo sito. Portare aiuto e dare conforto a quanti sono travolti dal buio baratro della malattia. Cos che le ragioni dellamore, della solidariet e della speranza, pur nelle laceranti difficolt, non vengano meno. Anche il buio si illumina, come ho scritto nella favola dedicata ai miei figli e pubblicata in un capitolo del libro, quando lo sguardo si solleva verso il destino buono che comunque ci attende.
Emilio




Caro Emilio,
coraggio e tieni duro. Anchio ho attraversato prove durissime. Nel 92 mi stato diagnosticato un carcinoma alla epiglottide con relative metastasi e dopo nove anni sono stato ricoverato per un bell'infarto. Nonostante tutto io non mollo, ma continuo a fare volontariato. Sono presidente regionale per la Toscana di ADMO, e non ho nessuna intenzione di mollare, anzi, diventata una sfida, perch so quante persone hanno bisogno di midollo osseo, e quante come te hanno passato l'odissea della leucemia. in bocca al lupo amico mio.
Sergio


Caro Sergio,
il tuo coraggio e la tua generosit sono un esempio per molti. Durante il lungo percorso nella malattia ho visto che il numero ancora scarso di donatori disponibili non consente di eseguire il trapianto tutte le volte che sarebbe necessario con conseguenze drammatiche per persone anche molto giovani. Per questo di straordinaria importanza il lavoro svolto dallAdmo per far conoscere questo problema e aumentare il numero dei donatori. C una paternit di amore cui siamo chiamati non solo verso i nostri figli, ma verso ogni persona che incontriamo. In particolare verso coloro che si trovano in un grave bisogno. Non rinunceremo mai a questa paternit e andremo avanti, nonostante tutto. Non molleremo. Non perch siamo forti (il nostro corpo stato segnato pesantemente dalla malattia), ma perch grande il compito sui siamo chiamati. Un compito che ci avvicina alla paternit e allamore di Dio. Nella pagina dei pensieri ho riportato questa frase: lunica cosa per cui vale la pena di vivere il privilegio di rendere qualcuno pi felice. Cio questa paternit al vero bene dellaltro.
Emilio




Caro Emilio,
ti ringrazio per avermi dato lopportunit di leggere cose che non solo mi hanno commosso, ma mi hanno permesso di affrontare la mia fragilit (ed una grande fragilit veramente), con un cuore pieno di speranza.
Massimo


Caro Massimo,
Ogni giorno tocchiamo con mano quanto sia grande la nostra fragilit. Ma la misericordia di Cristo molto pi grande dei nostri limiti. Ed questa misericordia che consente alla nostra speranza di non venire mai meno.
Emilio


Scegli la pagina << 1 , 2