Homepage Scrivi all'autore
German version.
Perchè un libro Chi è l'autore Che cos'è la leucemia Come curare la
	leucemia Lettera ai figli Verso il trapianto Donare il midollo I pensieri Le mie risposte Dove trovare il libro Grazie ai	donatori L'editore Forum di discussione sulla leucemia Associazione Amici Ematologia Questo sito ha ricevuto una menzione speciale al premio Sodalitas-Vivereoggi, giornalismo per il sociale.
Forum di discussione sulla leucemia Le mie risposte ai vostri contributi.



  • Ogni persona sana può diventare donatore di midollo osseo e candidarsi a compiere un grande gesto di solidarietà umana, indispensabile per salvare una vita.

  • Chi dona il midollo non subisce alcuna menomazione. Il sangue midollare prelevato, infatti, si riforma spontaneamente. Tanto che il dono può essere ripetuto.

  • Per diventare donatore è necessario, innanzi tutto, iscriversi al Registro (la banca dati mondiale dei donatori). Può farlo chi ha compiuto i 18 anni di età e non ha superato i 35.

  • Per iscriversi al Registro si deve compilare il modulo di “consenso informato” e sottoporsi a un semplice esame del sangue, detto “tipizzazione”. Tutte le prestazioni per l’iscrizione nel Registro sono gratuite, in quanto a carico del Servizio sanitario nazionale.

  • Più giovani si iscrivono al Registro, più vite si possono salvare.

  • Quando per salvare una vita si rende necessario un trapianto di midollo e non si trova un familiare compatibile, allora è possibile fare ricorso al Registro dei donatori di midollo. Si tratta di un elenco informatizzato, un archivio elettronico, presente in oltre 30 Paesi del mondo in collegamento tra di loro. Uno stupefacente s.o.s. per la vita, senza frontiere.

  • La ricerca avviene utilizzando le moderne tecniche informatiche. La tipizzazione HLA del malato viene paragonata a quella di tutti i donatori disponibili. Se si riscontrano delle somiglianze significative si passa agli approfondimenti e al donatore saranno richiesti ulteriori prelievi di sangue. Solo nel caso di adeguata compatibilità si chiede al donatore di prepararsi, se ancora lo vuole, al prelievo di midollo per rendere possibile il successivo trapianto.

  • Le cellule donate vengono infuse nel ricevente per via endovenosa, di solito attraverso un catetere venoso centrale, e trovano da sole la strada per andare a collocarsi in modo giusto nel corpo, per iniziare la propria benefica opera di riproduzione.

  • Chi desidera diventare donatore di midollo osseo o ricevere qualsiasi altra informazione sul trapianto di midollo può rivolgersi all’ADMO, attraverso il sito www.admo.it, oppure utilizzando l’indirizzo e-mail admo@iol.it. E’ anche possibile telefonare all’ADMO, sede Federazione italiana, utilizzando il numero 02.39000855 o richiedere materiale al numero di fax 02.39001170.